Impianti di miscelazione GPL / aria e gas incondensabili / aria

IMPIANTO GPL-ARIA AD ARIA ASPIRATA DI SERVIZIO RETE DISTRIBUZIONE CITTADINA    Miscela  12.000 kcal/smc   2.500 smc/h   430 mbar     IN ESERCIZIO DAL 1991IMPIANTO GPL-ARIA AD ARIA ASPIRATA DI SERVIZIO RETE DISTRIBUZIONE CITTADINA Miscela 12.000 kcal/smc 2.500 smc/h 430 mbar IN ESERCIZIO DAL 1991 IMPIANTO DI MISCELAZIONE GAS INCONDENSABILE DI RAFFINERIA-ARIA, AD ARIA ASPIRATA, DI SERVIZIO RETE DISTRIBUZIONE CITTADINA    Miscela  12.000 kcal/smc   2.500 smc/h   500 mbar     IN ESERCIZIO DAL 1985IMPIANTO DI MISCELAZIONE GAS INCONDENSABILE DI RAFFINERIA-ARIA, AD ARIA ASPIRATA, DI SERVIZIO RETE DISTRIBUZIONE CITTADINA Miscela 12.000 kcal/smc 2.500 smc/h 500 mbar IN ESERCIZIO DAL 1985 GAZOMETRINO A GUARDIA IRAULICA 200 mbar CON PROGRAMMATORE MECCANICO DI SERVIZIO IMPIANTO DI MISCELAZIONEGAZOMETRINO A GUARDIA IRAULICA 200 mbar CON PROGRAMMATORE MECCANICO DI SERVIZIO IMPIANTO DI MISCELAZIONE PROGRAMMATORI PNEUMATICI PASSO-PASSO DI COMANDO MISCELATORI      IN SERVIZIO DAL 1991   PROGRAMMATORI PNEUMATICI PASSO-PASSO DI COMANDO MISCELATORI IN SERVIZIO DAL 1991 IMPIANTO DI MISCELAZIONE GAS INCONDENSABILI DI RAFFINERIA-ARIA E GPL-ARIA, AD ARIA SOFFIATA, STRUMENTALE. A SERVIZIO DISTRIBUZIONE CITTADINA.    Miscela   12.000 kcal/smc   3700 smc/h   0,6 barIMPIANTO DI MISCELAZIONE GAS INCONDENSABILI DI RAFFINERIA-ARIA E GPL-ARIA, AD ARIA SOFFIATA, STRUMENTALE. A SERVIZIO DISTRIBUZIONE CITTADINA. Miscela 12.000 kcal/smc 3700 smc/h 0,6 bar PROGRAMMATORE ELETTRONICO DI COMANDO IMPIANTO DI MISCELAZIONEPROGRAMMATORE ELETTRONICO DI COMANDO IMPIANTO DI MISCELAZIONE


IMPIANTO DI MISCELAZIONE GAS INCONDENSABILE-ARIA E GPL-ARIA. UNICO NEL SUO GENERE IN EUROPA
L'impresa Procogi ha realizzato, con proprio know-how gli impianti di miscelazione gas incondensabili-aria e GPL-aria, ad aria aspirata e ad aria soffiata per l'alimentazione della rete urbana di distribuzione del gas dei Comuni di Sannazzaro de' Burgondi (PV) e Scaldasole, circa 2.000 utenti. L’amministrazione comunale di Sannazzaro de’ Burgondi negli anni 1968/1969 decise di dotare il proprio territorio della rete urbana di distribuzione del gas, affidandone la concessione ad un’azienda privata (esercizio inizialmente condotto da Luigi Morelli). Per difficoltà di connessione alla rete dei metanodotti, optò di distribuire una miscela di GPL-aria (PCS 12.000 kcal/sm3 alla pressione variabile di 140÷200 mbar) intercambiabile al metano. Nel 1969 venne avviata la distribuzione del gas al paese e successivamente estesa al confinante comune di Scaldasole. Il comune riscattato l’impianto dall’azienda concessionaria, nel 1983, effettuò un’indagine per ricercare altre fonti più economiche di approvvigionamento del gas combustibile per l’alimentazione della rete urbana. La fonte di approvvigionamento venne individuata nel gas incondensabile di raffineria (miscela CH4 - C2H5 - C3H8 - C4H10 - H2) con PCS 16.700÷18.500 kCal/sm3.

Ottenuta la fornitura dalla locale raffineria, venne identificata una miscela di gas incondensabile/aria (70/30%÷68/32%) intercambiabile alla miscela GPL-aria erogata, che soddisfò il buon funzionamento degli apparecchi d’utenza sia domestici che industriali. Il comune affidò alla Procogi la realizzazione del nuovo impianto di miscelazione gas incondensabile-aria, che doveva interagire con l'esistente GPL/aria. Dati di progetto:
- Portata 1.500 sm3/h (portata doppia dell’esistente GPL-aria)
- Pressione d’erogazione costante 200 mbar
- PCS 12.000 kCal/sm3

Proponemmo e realizzammo un impianto di miscelazione ad aria aspirata, costituito da una batteria di iniettori governati da gazometrino a guardia idraulica con programmatore meccanico. Il funzionamento del sistema è pneumatico ed impiega lo stesso gas, per cui risulta autonomo senza l’impiego di alcuna energia esterna. L’impianto di miscelazione GPL-aria, da 750 sm3/h ala pressione 140/200 mbar, esistente venne tenuto in esercizio in stand-by, con lo scopo di intervenire in modo automatico e immediato, al fine di assicurare sempre l'erogazione del gas alla rete urbana, per la possibilità di interruzioni nella fornitura del gas incondensabile, causata da guasti agli impianti di produzione. L'impianto fu avviato alla fine del 1985.

Causa di un disservizio e dell'impianto esistente di vaporizzazione feed-out del GPL, realizzammo un nuovo impianto di vaporizzazione feed-back  con relativo gruppo di surriscaldo e decompressione, della portata di 2.500 kg/h alla pressione di 2,5 bar. L'impianto fu avviato alla fine del 1986.

Per fronteggiare il crescente fabbisogno di gas, nel 1991realizzammo :
- Il potenziamento dell'impianto di miscelazione gas incondensabile-aria con l'installazione di un nuovo iniettore, l'adeguamento degli esistenti governati da programmatore pneumatico in sostituzione del gazometrino. Portata 2.500 sm3/h di miscela alla pressione di 480 mbar, con una pressione di 3,2 bar del gas incondensabile.
- L'installazione di un nuovo impianto di miscelazione GPL-aria ad aria aspirata, sempre costituito da una batteria di iniettori governati da programmatore pneumatico, con pressostati pneumatici d'emergenza, per una portata di 2.500 sm3/h di miscela alla pressione di 430 mbar, con una pressione di 3,3 bar del GPL; impianto in stand-by per i motivi sopra descritti.

Al fine di adeguare il deposito GPL al D.M.13/10/1994, nel 2002 effettuammo un radicale intervento:
- Stoccaggio, installazione di un nuovo serbatoio da 100 m3 tumulato in sostituzione dei due serbatoi da 50 m3 fuori terra
- Rifacimento del punto travaso con installazione dei bracci metallici
- Realizzazione di nuova centrale termica da 450 kW
- Realizzazione di nuovo impianto antincendio ad acqua, con centrale antincendio e riserva idrica da 200 m3

Con lo sviluppo urbano, si è reso necessario potenziare gli impianti di produzione. Per soddisfare il fabbisogno dell'utenza nei periodi di maggior consumo, per incrementare sia la pressione che la portata e rendere più semplice e rapida la correzione del PCS della miscela gas incondensabile-aria (causa le sensibili variazioni della composizione del gas incondensabile), realizzammo un impianto di miscelazione ad aria soffiata della portata di 3.700 sm3/h alla pressione di 600 mbar con Pcs di 12.000 kCal/sm3, in parallelo agli impianti ad aria aspirata. L'impianto, a discrezione del conduttore, verrà attivato solo nella stagione invernale e nelle ore delle giornata di maggior consumo, mentre nelle ore notturne e negli altri periodi dell'anno continueranno ad operare gli impianti ad aria aspirata (senza dispendio di energia), con un non indifferente risparmio energetico.
Il gas prioritario, in quanto più economico, da utilizzare per la produzione della miscela gas-aria da erogare nella rete urbana è sempre il gas incondensabile, mentre la miscela GPL-aria rimane il gas sostitutivo d'emergenza in caso di interruzione nella fornitura del gas incondensabile. L'impianto di miscelazione ad aria soffiata è costituito, nelle sue parti essenziali da:
- Soffiante
- Tre linee di misura controllo e regolazione, una per ogni fluido, gas incondensabile, GPL e aria
- Miscelatore
- Regolazione della pressione d'erogazione
- Sistema di allarmi e blocchi
- Controllore elettronico di comando
- Gruppo di misura della miscela erogata
L’impianto è programmato per essere avviato ed arrestato automaticamente a tempo. Nella fase di avviamento la pressione della miscela viene gradualmente incrementata fino al valore d'esercizio, mentre l'impianto ad aria aspirata in servizio viene fermato. Nella fase d'arresto la pressione della miscela viene gradualmente ridotta fino al valore d'esercizio dell'impianto ad aria aspirata, raggiunto tale valore o la portata del 10% l'impianto viene fermato. In questa fase l'impianto ad aria aspirata si regima dalla portata 0 alla portata richiesta dalla rete urbana. Qualora, durante l'esercizio di produzione della miscela gas incondensabile-aria, venga interrotta la fornitura del gas incondensabile, questa linea viene esclusa ed automaticamente attivata la linea del GPL per produrre la miscela GPL-aria, con lancio di allarme e senza alcun pregiudizio per l'utenza. Il PCS della miscela prodotta è determinato dal rapporto gas/aria, il cui valore teorico viene impostato dal conduttore sul controllore elettronico e corretto sempre dal conduttore, durante l’esercizio in funzione del valore indicato dal calorimetro (con la futura installazione di un nuovo calorimetro il PCS verrà corretto automaticamente).

In concomitanza all'installazione di questo impianto, si è anche provveduto alla realizzazione sia di un nuovo gruppo di filtraggio-preriscaldo-decompressione del gas incondensabile con portata di 3.000 sm3/h alla pressione di 3,2 bar che di un nuovo gruppo di vaporizzazione-surriscaldamento-decompressione GPL con portata di 4.000 kg/h alla pressione di 3,3 bar. Per evitare che, la presenza di condense nel gas incondensabile, a causa di eventuali disservizi negli impianti di produzione, possano giungere agli impianti di miscelazione è stato realizzato un sistema di allarme e blocco della fornitura. La pressione della miscela gas incondensabile/aria, prodotta dall'impianto di miscelazione ad aria aspirata (con iniettori), è incrementata a 500 mbar. L'impianto è stato attivato all'inizio del 2013.

 

Focus on